S T O R I A

Il rispetto della dignità umana, soprattutto verso gli ultimi, ben prima della nascita dell’Associazione,  ha visto il fondatore in prima linea su vari fronti per rivendicare i diritti di chi non ha voce, come per esempio i disabili istituzionalizzati, coadiuvato successivamente da altri amici e persone di buona volontà. Questa è una peculiarità dell’Associazione la quale è formata da uomini e donne che, pur non avendo in famiglia problematiche del genere, si fanno carico concretamente del bisogno degli altri.

L’Associazione Radix Unica nata nel 2014  affonda le sue radici  su un’esperienza ventennale di vita dell’ideatore che, nell’ambito della sua professione di medico, nel 1996 incontra E., un ragazzino diversamente abile dell’età di 10 anni, purtroppo ricoverato in istituto già da quattro, con il quale crea un legame affettivo così solido da essere a tutt’oggi imprescindibile per entrambi.

Tale rapporto  ha consentito, seppure in una “condizione ambientale sfavorevole” come può essere un’istituzionalizzazione precoce, un importante recupero globale nei diversi ambiti della personalità del giovane.

Aver condotto E. ad una stabilità emotiva ed affettiva, ad una vita molto “più normale”, permette di comprendere come le fragilità possono essere incanalate e finalizzate ad azioni coraggiose ed efficaci.

L’azione dell’Associazione pertanto è una concreta risposta in difesa dei diritti delle persone fragili in generale, e delle persone diversamente abili, in particolare, le più sole ed istituzionalizzate, perché sono quelle che, l’esperienza ci insegna, spesso non vengono rispettate nei loro diritti e che possono essere avvertite come “ultime.